Sono da poco tornata da un viaggio di una settimana che mi ha vista attraversare mezza Europa per nutrirmi quanto più possibile di design e cose belle. In questo primo post, ti racconto della prima tappa ovvero Parigi.

Ho progettato di andare a Maison&Objet diversi mesi fa e ho atteso questo momento con vero entusiasmo. Devo dire che non sono stata disattesa, ma piuttosto sono stata travolta e inondata dalla vastità dell’esposizione. La fiera è davvero enorme e passa dalle firme più conosciute a quelle emergenti o stravaganti, in un pot pourri dal quale si esce con gli occhi e i piedi stanchi, ma con un’idea precisa di cosa funziona oggi nell’arredamento.

Ho trovato diverse ispirazioni e una lista dei desideri lunghissima! Voglio mostrarti ora alcuni dei miei colpi di fulmine.

MO18_Lightandliving

Light and Living, una grande azienda olandese che in quanto a luci ed allestimenti sa il fatto suo. A M&O aveva davvero un sacco di allestimenti: questo con il salvia, l’oro e il nero mi ha colpito molto! Mi piacerebbe poterlo riprodurre sul mio terrazzo!

MO18_petitefriture

Io ho un debole per le sedie e Petite Friture con queste mi ha conquistata letteralmente! Colori perfetti, design davvero originale e una comodità che si deve pretendere su ogni seduta di qualità! Da interno o da esterno, trovo stiano bene ovunque!

MO18_raumgestalt

Raumgestalt è un brand tedesco che produce oggetti dal design minimale. Questi appendiabiti, soprattutto raggruppati come in foto, sono il non plus ultra della semplicità, ma vogliamo dire che grande effetto fanno insieme? Un living open space ne gioverebbe davvero tanto!

MO18_studioSolLeccia

Una delle certezze di questo tour del design è stata l’altalena. In ogni forma e materiale, ma l’altalena appesa in casa pare essere un must irrinunciabile! E io sono assolutamente d’accordo, anzi, la sogno da tempo! Questa è la versione della scultrice Ingrid Sol Leccia e a me piace tantissimo, anche in bianco! Si chiama Swing Nolita.

MO18_taiwan1

Io sono un’amante appassionata di tè e chiaramente, nel lato Objet della fiera, hanno preso risalto tazze, teiere e termos. Ma su tutti ha spiccato Toast Living, un brand di Taiwan (e non sai quanto sia stata conquistata dal design di questo paese!) con queste tazze e tisaniere in vetro e rame: non ti ci riempiresti gli scaffali della cucina? Io sì!

MO18_versodesign

Last but not least, Verso Design. E’ un marchio finlandese che ho scoperto a Parigi, ma che ho ritrovato quasi ovunque nelle mie tappe e, devo dire, a pieno diritto. Sono mensole e contenitori in legno con dettagli in cuoio: puro stile scandinavo coniugato a un lato giocoso! Troviamo infatti anche qui una piccola altalena per oggetti o vasi: indiscutibilmente adorabile!

Mi sono regalata la Paris Design Week solo per una mattinata, passeggiando per i quartieri di Bastille e Le Marais, che già con la loro naturale bellezza si sono prestate benissimo come scenario di un evento di design. Un’esposizione mi ha colpita particolarmente: al Boon. Opere di Mari Goga, Frama, Kneip, Freudwerk e Pieter Maes (foto di copertina).

La sensazione, anche se la quantità di opere viste è stata esigua rispetto all’oceano di M&O, è che la vera innovazione abiti qui. Ma in fin dei conti, il Fuori Salone della Design Week serve a questo, no?

Ti aspetto la prossima settimana per il mio racconto su Helsinki e Habitare!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...