La rubrica Come ti trasformo la casa, Illumino Edition è una di quelle che preferite! Nel mio tour di come ho fatto il restyling della casa in cui vivo, ti ho già mostrato come ho trasformato il bagno e come ho organizzato il terrazzo. Ma adesso arriva il pezzo forte, perchè, diciamolo, il living e la cucina sono sempre e comunque il cuore della casa. Nel caso di casa mia costituiscono più del 50% dello spazio interno e quindi è stato importante pensare bene a come arredarli.

LE SUPERFICI

Partendo dalle superfici, la pavimentazione era in gres grigio: le piastrelle non erano male come forma e colore, ma abbiamo preferito donare un po’ di calore e abbiamo installato un parquet laminato con una tinta rovere chiaro, che al contempo illuminasse lo spazio. Living e cucina non sono totalmente separate non essendoci una porta che chiude la cucina, quindi il parquet è stato posato senza soluzione di continuità e questo dà un bel senso di ampiezza e omogeneità.

Al proprietario precedente piaceva il giallo, un giallino crema che penso abbia le sue origini e il suo successo tra la fine degli anni 80 e inizi degli anni 90: andava assolutamente debellato! Il colore per il living è stato quindi a lungo ragionato: la parete di fronte alle due porte finestre (uniche fonti di luce di questa stanza) è stata imbiancata in modo da ben riflettere la luce. Per altre due pareti è stato scelto un colore denim: purtroppo la tonalità non era esattamente come l’avevamo immaginata, quindi qualche mese fa abbiamo ridipinto questi due muri di un paio di toni più scuri rispetto al precedente e il risultato è adesso soddisfacente. L’ultima parete rimasta, è stata rivestita con carta da parati chiara che richiama le piegature della carta come fosse un origami. Anche la scelta di questa carta è stata sofferta: volevamo qualcosa che caratterizzasse la stanza con semplicità e senza essere troppo invadente: missione compiuta!

La cucina era di un grigio così chiaro da sembrare bianco sporco. Essendo una piccola stanza, ma la più luminosa della casa, abbiamo optato per il bianco, esclusi il soffitto e, a scendere, la parete su cui abbiamo inserito le mensole: li abbiamo dipinti di wedgewood grey, una tonalità che sta tra il menta e il grigio, decisamente cangiante in base alla luce.

IL LIVING COM’ERA CON IL PRECEDENTE PROPRIETARIO E QUA SOTTO COM’E’ ORA

 

SOLUZIONI D’ARREDO

La disposizione nel living non è stata di immediata intuizione, ma abbiamo cercato di sfruttare al massimo lo spazio mantenendo principalmente i mobili che già avevamo. Idealmente la stanza è divisa a metà: subito entrando c’è la zona salotto con divano e tv, superato il divano c’è la zona pranzo con tavolo, sedie, credenza e cassettiera.

Ho creato appositamente una grande lampada a sospensione per illuminare e decorare la stanza (che ha anche i soffitti più alti della media e quindi vanno sfruttati!): si chiama Ring Ceiling e fa parte della mia collezione Shapes (se ti piace è disponibile su ordinazione nello shop). Legno, rame, linee dritte e cerchi: ho provato a creare una lampada che desse un senso di leggerezza pur riempiendo uno spazio piuttosto ampio.

La cucina era verde muschio con un piano di lavoro davvero inguardabile. Dopo un tentativo di farle un restyling, abbiamo abbandonato l’idea e ci siano affidati a Ikea. E’ rimasta una cucina a L, ma con pensili Bodbyn bianchi e piano impiallacciato rovere per donarle un po’ di calore. Poichè la cucina non è molto ampia, abbiamo deciso di “farla respirare” non mettendo alcun pensile alto. Abbiamo scelto una cappa tonda per i fornelli e sulla parete più lunga abbiamo installato due grosse mensole in legno massello grezzo (ma trattato per agevolarne la pulizia) che sostengono quasi tutte le stoviglie.

LA CUCINA COM’ERA PRIMA E QUA SOTTO COM’E’ ORA

 

TIPS DA COPIARE A CASA TUA

Vuoi qualche piccolo consiglio che puoi copiare per dare più carattere a casa tua? Eccoli qua! Per la cucina non abbiamo usato le solite maniglie proposte da Ikea, ma abbiamo fatto una lunga ricerca sul web e abbiamo trovato delle maniglie in legno che ci sono piaciute molte. Le abbiamo dipinte dello stesso blu denim scuro del living in modo che sul bianco risaltassero. Etsy è ricchissimo di maniglie e pomelli originali, divertenti e anche vintage! Dai una sferzata di novità alla tua cucina con una piccola spesa che può cambiarle la faccia!

Per il living, una delle problematiche maggiori è stata: dove li mettiamo tutti i nostri libri? e i dvd? Abbiamo quindi quattro librerie: abbiamo sfruttato una nicchia in tutta la sua altezza e con scaffali componibili geniali che ci entrano a pennello ( si chiamano Kompo, sono italiani e vale la pena conoscerli!!) abbiamo stipato tutti i dvd e una buona parte di libri. Io già avevo la bookworm della Kartell, ma stavolta invece di avvitarla a chiocciola, l’ho messa come una grande onda che attraversa i due terzi della parete e ho sistemato una parte dei libri in ordine cromatico, per avere un piccolo arcobaleno personale. C’è poi una libreria autoportante in legno di mango con cassetti colorati e un ultimo angolo libri, quello più glamour, è una panchetta in sughero dietro al divano. Lì mettiamo i libri che arredano: grossi volumi fotografici, di arte e arredamento. E bello poter usare i libri non solo per il loro contenuto ma anche per la loro bellezza estetica.

 

Cosa ne pensi del mio restyling? L’hai fatto anche tu a casa tua? Raccontamelo nei commenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...